Ti occupi dei radicali liberi? Inserisci un contenuto REGISTRATI GRATUITAMENTE!





  • Cosa sono e come agiscono

  • Metalli pesanti e radicali liberi

  • Senso di sazietà e radicali liberi

  • Tumori e radicali liberi

  • Fumo e radicali liberi

  • In quale modo hanno origine

  • Contrastare i radicali liberi con lo sport

  • Invecchiamento precoce e radicali liberi

  • Conseguenze determinate dai radicali liberi

  • Stress ossidativo e smaltimento dei radicali liberi

  • Una corretta alimentazione contro i radicali liberi

  • Cos'è lo stress ossidativo e come combatterlo

  • Radicali liberi: In quale modo hanno origine

    I radicali liberi hanno origine all'interno delle membrane cellulari, per merito dell'associazione tra il singolo elettrone che le caratterizza ed altre molecole. Il procedimento complesso che ne determina l'origine si verifica principalmente in concomitanza a due fenomeni ben distinti, rispettivamente i processi energetici ed i processi di difesa compiuti quotidianamente dall'organismo.

    I processi energetici, ossia quei fenomeni indispensabili al fine di compiere ogni tipo di movimento, derivano dall'immagazzinamento di energia attraverso l'ingestione del cibo: l'energia prodotta, infatti, non viene utilizzata immediatamente, ma solo quando un dato processo biologico lo ritiene necessario; al momento più propizio, perciò, la sostanza che racchiude l'energia, conosciuta come ATP, costituisce un legame con l'acqua, dopodiché il tutto viene indirizzato verso il processo per il quale l'unione si è ritenuta indispensabile. I processi energetici si suddividono in due branche, quelli aerobi e quelli anaerobi: i primi necessitano di ossigeno, mentre quelli anaerobi possono verificarsi anche qualora questo fattore risulti mancante. Per quanto concerne i processi energetici, i radicali liberi trovano una condizione ideale di sviluppo nei processi aerobi, i quali permettono la formazione dei radicali conosciuti come ROS: questi ultimi, infatti, riguardano le specie maggiormente reattive all'ossigeno, a cui consegue la formazione di sostanze ossidanti come il perossido d'idrogeno o il radicale ossidrilico.

    Concentrando l'attenzione sui processi di difesa, invece, è necessario dedicare il debito spazio ai globuli bianchi. Le cellule del sangue appena citate possono essere considerate come l'elemento chiave di tali processi: i globuli bianchi, infatti, hanno il compito di attuare meccanismi di difesa naturale nei confronti di tutti gli agenti potenzialmente dannosi per l'organismo, e l'adempienza a tale dovere coincide spesso con la produzione di radicali liberi. In questo caso la crescita di questi ultimi risulta necessaria, in quanto l'azione praticata dai globuli bianchi determina la formazione di efficaci barriere in grado di difendere l'organismo stesso contro la manifestazione di eventuali infezioni o infiammazioni.


    Ti occupi dei radicali liberi? Inserisci un contenuto REGISTRATI GRATUITAMENTE!